“La Crespella” e l’impossibilità di abbandonare gli anni ’80!

Le Crespelle.

E la mia domanda.

“Perche?!”

In tutti i ristoranti, quando si prenota un pranzo o una cena per un evento, cosa ti propongono tra i vari piatti?

La crespella.

Fateci caso, non manca mai.

Anche nel ristorante dove ci siamo sposati, c’era.

Lei. La crespella.

Ti trovi a leggere menù con piatti dai nomi mirabolanti;

Puoi trovare cucina fusion,  molecolare, casereccia….e Lei….

Non manca mai.

20130519_140022

Cambia la tipologia?!

MADDECHè” Sono due i modi: “Ricotta e spinaci” o  “Funghi”!

Litri e litri di besciamella e le diverse fatture che possono renderla più o meno -molliccia-.

Ed io continuo a chiedermi….PERCHè?!

Il mio ricordo della Crespella si era assopito, al mio matrimonio naturalmente, visto l’odio che provo per lei,  l’ho scartata scegliendo altro.

Vi immaginate nel menù del mio matrimonio, dopo il buffet in giardino con:

  • Piccole tartine futuristiche” ,
  • Bon bon di verdurine fritte su spuma molecolare di iris nero dell’asia austroungarica (!!)

(tutto da leggere rigorosamente con la boccuccia molto molto stretta e borghese..)

e due primi :

  • “Tagliolini scomposti con ragù di spigola” e….
  • “LA CRESPELLA” scritta in colori FLUo (NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO)

20130519_140016

Era tutto finito, finchè , ad un pranzo, non me ne sono vista “depositare” nel piatto una, senza nemmeno poter dire “No, grazie”.

Il cameriere me l’ha “Spiattellata” cosi. Nel mio candido piatto bianco. Schizzando besciamella qua e là.

Io l’ho guardata. Lei ha guardato me.

Ho cercato comprensione negli occhi dei miei vicini commensali.

L’espressione era unanime.

Si è annebbiata la vista…sembrava di essere Alice nel paese delle meraviglie in un caleidoscopio. Ci siamo ritrovati negli anni ’80.

Ho visto mamma, seduta accanto a me, con una maglia larga con enormi spalline e scritta davanti di paillettes argentate, capelli cotonati,  grandissimi orecchini blu elettrico e occhiali da sole con lenti enormi.

Nonno sempre con i capelli bianchi, in un vestito marrone a scacchi. Aveva i baffi, sembrava Freddy Mercury.

Io avevo un ombretto giallo, e un’enorme fiocco fucsia nei capelli, masticavo una gomma con la bocca aperta.

Zia, cotonata anche lei, con dei leggins color corallo e una giacca nera con spalline enormi, che nascondeva una canottiera giallo fosforesente.

Papà, aveva le bretelle, sulla camicia. E non ho voluto vedere altro!🙂

Nell’aria si sentiva:

“L’estate sta finendooooooo….e un’anno se ne va……sto diventando grandeeee, lo sai che non mi vaaaaaaaaa”

E noi sentivamo “…LA-LANGUIDI BRI-BRIVIDIIIII….”

 

Scrollo forte la testa e torno alla realtà.

Siamo nel 2013.

Ok. Già mi sento meglio.

E mi chiedo. Perché, nel 2013, i ristoranti ancora propongono nei menù la crespella.

Perché.

Non la sapete fareeeee! Non la sa fare nessuno!

Oppure nessuno sa qual è la ricetta vera. Come dev’esse sta crespella? Molla? Molliccia?Umida? Croccante?

E quanti litri di besciamella ci vanno?

Gli anni ’80. La moda peggiore. La cucina peggiore….Eppure…..Non ce ne riusciamo a liberare!

Abolite le crespelle!!! Uniamoci, raccogliamo le firme!

LadyStark, ha detto No, alla crespella, ha detto si al 2013!!!!

20130519_140140

E stavolta, ci metto pure la faccia….perchè….?

PERCHE’ IO VALGO….LA CRESPELLA…..NO!!!!

5 Pensieri su &Idquo;“La Crespella” e l’impossibilità di abbandonare gli anni ’80!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...