Doppia ricetta con Melanzane km60…..e guarda come alla fine ti divento vegetariana!!!

Questo è il periodo che meno preferisco. L’incertezza del tempo e del clima, mi distruggono. Solitamente proprio tra febbraio e marzo mi prendo le “migliori” influenze. Non sai mai come vestirti.

Con la lana fa caldo, con il cotone a strati fa freddo.

In più la primavera è alle porte e anche se non la percepiamo del tutto, l’allergia è all’erta e  c’è!

Insomma, sogno tanto Aprile!

Inoltre, mi rendo conto di mangiare sempre meno carne, che il sangue mi da sempre più fastidio. Andiamo avanti a pollo e poco, e per lo più preferisco cucinare con le verdure. Evito le uova…..ma non i formaggi…..

Mi sto trasformando in VEG?!?!?

Tra un lamento e l’altro, giuro che Vi do la ricettina, ci arrivo!

Ieri sera sono tornata a casa. Maritozzo ancora non c’era e quindi avevo tutto il tempo di pensare -a frigo aperto- cosa cucinare. Vedo uno schieramento di melanzanone giganti, acquistate sabato dal nostro amico contadino.

Lui le produce a Km0, Viene da Velletri e le vende qui a Roma, quindi facendo un rapido calcolo, ho in frigo delle meravigliose melanzane km 57. Più circa 3 km che mi faccio per portarle a casa….

Ha comunque il suo perché. 🙂

Abbiamo del pane raffermo, che vieto categoricamente a Maritozzo di buttare, perchè in qualche modo, lo riutilizzo sempre.

La mente calcola, vola, pensa….ed ecco che ti cucino.

 

Polpettine morbide di Melanzane km 60  +  Contorno di melanzane gustosisssime!

wpid-img-20150311-wa0010.jpg

Ingredienti:

-3 melanzane grandi grandi

-10 fette di pane casareccio salato raffermo (circa 200gr)

-pangrattato

-olio

-origano

-pepe

Procedimento:

Accendere il forno a 250°.

Mettere il pane raffermo in una ciotola con un bicchiere di acqua, e verificare di tanto in tanto che si imbeva bene bene e si ammorbidisca.

Prendete le melanzane e sfogate su di loro i vostri nervosismi della giornata e della stagione.

Tagliate la parte verde, e poi con un coltellaccio, fate fette grandi a forme miste. (Dalla foto forse sarà più chiaro cosa intendo).

Questo perchè:

Solitamente per fare le polpette di melanzane, metto la melanzana intera in forno, poi quando è ben cotta scavo la polpa e la utilizzo.

Non mi andava.

E volevo usare anche la buccia, dato che per una volta non ci sono sopra pesticidi e roba schifosa varia.

Quindi le distruggo a fettone e le metto sulla placca del forno ricoperta con carta forno.

Ammassate su di loro come mai in vita mia ho consigliato di fare.

Metto molto sale, e un goccino di olio ma davvero poco poco.

Quando il forno sarà caldo, le inforno per 30 minuti.

Quando aprirete il forno dovrete trovare una cosa del genere.

wpid-img-20150311-wa0003.jpg

Estraggo la teglia, e la poggio sui fornelli.

Poi prendo il mio Minipimer e una ciotola grande.

Guardo le melanzane…..Le guardo meglio…..

“Ma guarda che hanno un aspetto spettacoloso…..come saranno?”

Ne addento una.

Me le sarei mangiate tutte. Mi piangeva il cuore a frullarle.

Quindi nota importante:

PER UN CONTORNO STREPITOSO E NUOVO (PER ME ALMENO). Fermatevi qui.

Sono davvero particolari e golose, salatine e croccanti, ma la polpa rimane bella spugnosa. Insomma, davvero degne di nota.

Continuiamo con le polpette.

Con un po’ di tristezza comincio a frullarle, ripromettendomi di rifarle come contorno quanto prima.

wpid-img-20150311-wa0007.jpg

Una volta ridotte in purea, prendo il pane a manciate, lo strizzo bene dall’acqua di cui  è imbevuto e lo aggiungo alle melanzane. Aggiungo anche prezzemolo e pepe. Per il momento non aggiungo grassi.

wpid-img-20150311-wa0005.jpg

Mescolo bene aggiungendo tutto il pane.

Preparo una ciotolina con del pangrattato.

Formo tra le mani delle polpettine con il composto di melanzane e pane, e lo passo velocemente nel pangrattato.

wpid-img-20150311-wa0006.jpg

Adagio una per una le polpettine sulla placca da forno ancora tiepida.

Una volta schierate tutte, aggiungo sale e olio.

wpid-img-20150311-wa0008.jpg

Inforno nuovamente le polpettine a 200°, per 45 minuti.

Ecco il risultato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sono molto molto buone.

Ottima idea anche per il pranzo in ufficio!

 

Buon appetito

La Vostra

LadyC

Annunci

Quando l’Alunno supera il Maestro.

Ormai ho deviato Maritozzo.
Le cose viste e riviste non mi piacciono, e credo stia cominciando a pensarla come me.
Speso causa i miei orari di lavoro, si trova lui a dover fare le spesa e a cucinare, raramente posso permettermi il lusso di mettermi in cucina a creare la sera.
Ma spesso ormai riusciamo a collaborare. Lui inizia ed imposta il lavoro, i primi passi, io lo termino.
L’altra sera ha fatto una ricetta.

Di sua iniziativa.

Di sua ricerca personale.

Di una semplicità estrema, ma altrettanta bontà.
Amo molto la verza e ne compro sempre un paio di piantine.
Anche perchè si mantiene a lungo, anche tagliata.
La mia follia arriva a mangiarla tipo POPcorn, anche davanti alla TV. Cruda. Dopo cena.
Insomma, la adoro.
Maritozzo deve aver trovato le mie piantine li in frigo abbandonate da una lunga settimana lavorativa, e allora si è messo a cercare.

Senza fermarsi alla prima ricetta.

Ehi….aspettate….chiunque stesse già dicendo
Beata lei…il marito che cucina….che Bravo….”
Parliamone…fortunata sicuramente….ma ogni sera è una scommessa…….
Vogliamo parlare della sera in cui ha deciso di cucinare i piselli con l’aceto in padella…….?!?!?
Io per poco non davo di stomaco.
Comunque stavolta a Lui le Lodi ed un articolo intero, perché si è superato.
Ha trovato questa ricetta, e mi ha completamente conquistata!

CHIPS DI VERZA AL FORNO

wpid-20150127_200722.jpg
Ingredienti:
-1 piantina di verza
-sale
-olio

Procedimento:
Impostare il forno a 200°.
Pulire la piantina di verza prendendo tutte le foglie più belle.
Coprire le placche da forno con carta forno.
Stendere le verze su un solo strato, condendole con un filo di olio e sale.
Quando il forno sarà a temperatura, potete infornare e lasciare 10 minuti.
Le verze si coloreranno di bruno.

Servitele calde.

Avete finito.

Non ci credete?

Provatele.

Il titolo della ricetta originale, (CHE VI RIPORTO QUI) dice “Meglio delle patatine fritte
Ho fatto in tempo a dire “SeeeVABB-CRUNCH, GNAM GNAM”.
E a chiederne ancora, PER FAVORE!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non ne potrete piu fare a meno! Una tira l’altra!

Provare per Credere!

Grazie Maritozzo per la Ricetta di oggi!

P.S. Mamma Vi consiglia di provare (dallo stesso blog) anche le carote al forno (QUI)!
Staremo diventando VEG????

Buon appetito
LadyC.

Un contorno gustoso “Pomodori al forno”, che forno non è!

La verdura cotta al forno, è una di quelle cose che in casa mia si mangia spesso.

Piace sia a me che a Maritozzo, e ne possiamo fare in gran quantità, per assicurarci una cena veloce, il giorno dopo o comode da portare a pranzo in ufficio.

Solitamente faccio patate, zucchine e melanzane (raramente ci concediamo le cipolle) tutte tagliate fine, accostate l’una all’altra, condite con un goccino d’olio, sale, pepe e del pangrattato.

Infornate a 180/200° per una trentina/quaranta di minuti.

In ricordo dei pomodori che si facevano d’estate sulla brace, spesso faccio nello stesso modo i pomodori.

Qualsiasi tipologia, dal pachino al san marzano.

Ieri ho voluto provare il “pomodoro da insalata”.

Poverino, l’abbiamo snaturato!

Ieri sera faceva caldo per accendere il forno, e così, ho voluto provare una nuova tecnica: in microonde!

Ho tagliato 4 pomodori da insalata grandi a metà.

Per questa preparazione consiglio di lasciare il picciolo per intero su una metà e non di tagliare attraverso quello.

Red Tomato 343005_pomodoro

Adagiate le metà del pomodoro con il taglio verso l’alto.

Condire con sale, pepe, finocchio, erba cipollina, ed ogni spezia che vi possa piacere.

Aggiungere un goccio d’olio.

Coprire il piatto (adatto al microonde) con della pellicola alimentare, il piatto deve essere chiuso dalla pellicola,  sigillato.

Mettere in microonde a 750W per una decina di minuti, controllando di tanto in tanto (ma senza aprire la pellicola).

Alla fine dei 10 minuti, levate la pellicola e continuiamo la cottura con 3 minuti di grill (sempre in microonde!)

Sfornate, controllate che siano giusti di sale, fate intiepidire e servire in tavola…..con del pane fresco…per…..lo dico….lo DEVO dire…

PER FARE LA SCARPETTA, perché avranno tirato fuori tanto tanto succo!!!!

20130625_200411 20130625_200406 20130625_200403 20130625_200358

Buon appetito!

LadyC

Finti carciofi alla brace, per chi la brace….non ce l’ha!

Questa è una ricetta per veri amanti del carciofo.

Per chi lo mangerebbe anche crudo nell’insalata.

E per chi non si spaventa per la sua consistenza.

Se la descrizione qui sopra non vi è sembrata una minaccia, e vi rispecchia, siete pronti a mangiare i

“Finti carciofi alla brace”

Ho un vago ricordo di quando mia zia li preparava nel caminetto. Ma ora, che i caminetti in città diminuiscono a vista d’occhio, questa ricetta si sta perdendo.

Si possono cuocere anche nella brace del BBQ, ma ahimè, il mio è a gas….quindi addio cenere!

Ho provato qualche sera fa a farli nel forno, e devo dire che li rifarò sicuramente.

Altro contorno carciofoso per voi!

IMG-20130408-WA0008

IMG-20130408-WA0034

Ingredienti:

-10 carciofi

-sale

-olio

Preparazione:

Pulite i carciofi lasciando il gambo attaccato.

Foderare una teglia con della carta forno.

Accendere il forno a 200°.

Poggiare i carciofi a testa in giù distanziati tra loro.

Irrorare con un goccino d’olio e un’abbondante spruzzata di sale.

Quando il forno sarà arrivato a temperatura, infornare con forno ventilato per 40 minuti.

 

Un’altro contorno molto sano ma particolare.

Il carciofo con questo tipo di cottura rimane croccante e le foglie consistenti, ma l’aspetto è quello “bruciacchiato” del carciofo alla brace.

Una volta sul piatto ho aggiunto sale ed olio a crudo, secondo i miei gusti.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Slurp!!!

 

Buon appetito!

LadyC

Carciofi in padella all’arancia e pepe nero

Dopo un inverno da Orsetto, passato a mangiare di tutto e anche e specialmente il DI PIU’,

mi sento in dovere di ridimensionare tutto.

Guardo le foto del matrimonio, le uniche in casa, quelle sul comò, e mi chiedo

“E chi l’è questa bella ragazza? Tu la conosci?!”

Già, sempre io, ma “X” kg fa.

E’ ora di mettersi in riga. E di provare a ri-assomigliare a quella sposina lì, che magra non era, ma che mi piace di più.

 

Ho qualche ricetta golosa arretrata, che vi posterò, ma proverò anche a passarvi qualcosa di “sano”.

Ho anche scovato una nuova dieta, che di mediterraneo non ha nemmeno i colori della copertina, ma di cui vi parlerò. 🙂

Per ora ho scoperto che i carciofi, sono uno dei piatti più diet-friendly che esista, salutare e poco calorico. Ricco di fibre e minerali.

E dato che Vi avevo promesso qualche ricettina carciofosa, cominciamo con la prima.

Velocissima e davvero sana e gustosa.

 

Carciofi in padella all’ arancia e pepe

IMG-20130408-WA0007 

Era ora di cena e avevo appena pulito i miei 20 carciofi. La fame era tanta, la stanchezza altrettanta.

Avevamo proprio voglia di qualcosa di fresco e leggero. E’ la ricetta giusta.

Ingredienti:

 

-4 carciofi

-1 arancia

-pepe

-sale

 

Preparazione:

Pulire i carciofi e farli a picchi.

Se non avete un maritozzo rompiscatole potreste cuocerli anche così..ma no..invece a me è toccato Lui, che i carciofi li dimezza se le foglie non sono stra-stra-stra-morbidissime.

Dopo averli puliti talmente tanto dalle foglie esterne che sembravano boccioli di rosa, e averli fatti a spicchi,

li ho quindi messi in un pentolino a bollire per qualche minuto.

Quando saranno appena morbidi, spegnere il fuoco e scolarli.

Mettere una padella antiaderente sul fuoco e farla scaldare, senza olio.

Nel frattempo ricaviamo il succo dell’arancia e lo filtriamo, in modo da eliminare semini e polpa.

Scolare gli spicchi di carciofini bolliti, e buttarli in padella a farli sfrigolare un po’.

Versare il succo dell’arancia, abbondante pepe macinato fresco e un pizzico di sale q.b;

lasciare cuocere con il coperchio per ¾ minuti girando di tanto in tanto.

Servire con un goccio d’olio evo.

 

La foto non rende, ma è colpa della sottoscritta.

Non credevo in questa ricetta, era solo un’esperimento…e invece….E’ assolutamente da rifare!

 

Buon appetito

LadyC