Straccetti di Pollo, i “Salva Cena”

Veloce veloce e anche di effetto! Giornataccia…Stanchi, piove…non vi va di andare a fare la spesa….Quante volte!!!!!

Ecco un Salva Cena, tutto surgelato***** di sicuro successo!

Da poco prima che nascesse La Gigia, ho convinto Maritozzo a comprare un pozzetto e a rifornirci di surgelati da Bofrost. Probabilmente merito insulti per questo, ma è pur vero che tante tante volte mi ha salvato la Cena o dalla visita all’ultimo minuto di Amici!

Hanno prodotti molto buoni. Specialmente le verdure surgelate.E ormai, ogni tot mesi, facciamo scorta di verdure o prodotti semi-pronti, per le giornate “NO“.

Sapete che sono un po “comodina”, e non utilizzo sempre prodotti freschi, ma il mio blog è proprio questo, “come sopravvivere in cucina, con gli orari lavorativi da stakanovista”.

Quindi, spesso utilizzo i prodotti surgelati.

Naturalmente lo stesso non è per Gigia, per lei Io e Mamma compriamo prodotti Bio e freschi dal contadino.

Proprio ieri, mi trovavo in una giornata “NO“, ma volevo fare bella figura con Maritozzo e preparargli una bella cenetta , e allora, guarda che ti tiro fuori dal freezer!!

A volte davvero, basta un po di fantasia, e i soliti ingredienti noiosi, riprendono vita in piatti deliziosi!!!!

Straccetti di Pollo con punte di Asparagi

img-20161025-wa0031.jpg

Ingredienti:

  • 200 gr di punte di asparagi surgelate Bofrost (nel caso nel fresco, bollitele e tagliatele a pezzetti!!!!)
  • una confezione di petti di pollo
  • sale
  • olio
  • aglio
  • cipollina
  • curry in polvere
  • basilico, dragoncello, erba cipollina…e tutte le spezie che più vi piacciono!

Procedimento:

Prima di tutto prendo i petti di pollo, e con l’aiuto di una forbice da cucina, lo faccio a pezzetti.

Soffriggo olio aglio e cipollina nella padella antiaderente.

Aggiungo le punte di asparago e un dito d’acqua e sale q.b, quando gli asparagi saranno ben cotti, aggiungo il petto di pollo a pezzetti, e le spezie. Faccio cuocere qualche minuto, e poi copro con il coperchio per 5/6 minuti.

Spadellare, servire, ricevere complimenti, e datevi una pacca sulla spalla, perchè in 10 minuti vi siete fatte un piattino niente male!!!

img-20161025-wa0030.jpg

Maritozzo ha apprezzato come sempre!!!

Buon appetito

LadyC.

 

Annunci

Il mio secondo esperimento con Fornetto Versilia

E così ero incinta, annoiata e soprattutto AFFAMATA; Scorrevo noiosamente le pagine di Facebook, quando sbadatamente leggo “Versilia” e una bellissima foto di un mega Ciambellone. Torno su col ditino e cerco di capire di cosa si tratti.

Ne rimango stupita-basita-sconvolta-sconcertata!!!!

Porcamiseria!!!! mi rendo conto che nella mia cucina piena di aggeggi per la cucina…manca LUI….IL FORNETTO VERSILIA!!!!

Prima cosa su tutte, chiamo la mia nonna e la rimprovero di non avermene mai parlato.

Poi, indago se in famiglia ne abbiamo uno, niente da fare , nessuno ne ha mai visto uno.

In ultimo, contatto Maritozzo e comunico lui che sto per acquistare un altro “ARNESE DA CUCINA” che desidero tantissimo;

E già Maritozzo trema all’idea di un ennesima spesa pazzaCHISSAQUANTOVUOLESPENDESTAVOLTA!!!

Ma ne rimane stupito anche Lui;

Il fornetto versilia è un ARNESEDACUCINA economico e antico;

Veniva utilizzato dalle nostre nonne per cucinare ciambelloni…e non solo!!! E’ una pentola in alluminio, composta da teglia coperchio e spargifiamma. Pentola ecologica e a basso consumo (che fa tanto felice il mio uomo di casa tirchioassaiiii).

Si può acquistare online (Figuratevi se Amazon poteva non averlo!!!) o nei grandi casalinghi.

Il prezzo si aggira tra i 15 e i 30 euro, a seconda del modello.

Esistono almeno tre dimensioni: 24/26 o 28 cm.

Si utilizza come una normale teglia, ma sul fornello, non può andare in forno!

I tempi di cottura sono gli stessi, e anche le ricette sono replicabili quelle da forno tradizionale;

nel caso però vogliate il mega ciambellone, ci sono delle interessanti ricette online;

Su facebook c’è un bel gruppo che ne tratta e da spunti continui per ricette di ogni tipo! Qui trovate anche le ricette salate.

Se avete domande, chiedetemi pure, per quello che posso vi aiuterò volentieri! J

Durante la gravidanza ho fatto un primo tentativo, ciambellone molto alto, ma il gusto non mi ha soddisfatta.

Inoltre si è bruciato molto il centro, cosa che a quanto leggo dal gruppo su Facebook, è molto comune. (Qui sotto la foto del primo tentativo)

Ieri sera Io, Maritozzo e la Gigia (alias della bimba chiacchierona), abbiamo deciso (tutti insieme eh) di fare un secondo tentativo con il mio Fornetto, e allora tutti all’opera, La Gigia dirigeva i lavori dal suo Trono arancione!!!
Risultato: Ciambellone più basso, ma molto molto buono!!!

“Ciambellone Mele e Cioccolato”

20161017_211303.jpg

Ingredienti:

  • 3 uova
  • 200gr di zucchero
  • 120 ml di olio di semi
  • Un bicchiere di latte (o un vasetto di yogurt)
  • 250gr di farina
  • 1 bustina di lievito
  • Cannella
  • ¾ mele tagliate a tocchetti (io ne ho messe sei e sono davvero troppe!!!)
  • 70/100gr di cioccolato fondente

Procedimento:

Ho inserito gli ingredienti uno per volta nella planetaria.

Ho fatto montare le uova con lo zucchero. Aggiunto a filo l’olio, poi una volta assorbito ho aggiunto un vasetto di yogurt alle pere (o il bicchiere di latte).

Mischio in una ciotola farina e lievito, e con la frusta ancora in funzione aggiungo il mix, un cucchiaio per volta, al composto .

Cannella a piacere.

Prendo il blocco di cioccolata e lo grattugio.

Aggiungo poi con un leccapentole i tocchetti di mela e la cioccolata grattugiata.

Prendo il fornetto e lo ungo per bene prima della cottura.

Si può oliare e infarinare. O imburrare e foderare di pangrattato. L’importante è ungere benissimo tutta la superficie  – specialmente le pareti del foro centrale – ;

Dopo averla imburrata /unta possiamo versare il composto del ciambellone.

20161017_191716.jpg

20161017_191906.jpg

N.B. Io ho messo delle fettine di mela sul fondo, ma le sconsiglio, non fanno altro che rendere più umido il dolce e non si notano, poichè “il sopra del dolce” rimane quello a vista, quindi  a mio avviso bastano i tocchetti!

Posizionare per la cottura uno spargifiamma a rete sul fornello medio. Sopra di questo mettiamo lo spargifiamma del Versilia, e infine la pentola sopra, con il coperchio. Lasciare cuocere 50/60 minuti con il coperchio chiuso e la fiamma al minimo.

NON APRIRE MAI IL COPERCHIO PRIMA DI POCHI MINUTI ALLA FINE O POTREBBE SGONFIARSI IL DOLCE!!!!

Verificare di tanto in tanto la cottura con l’aiuto di uno stecchino lungo, attraverso i forellini del coperchio.

img-20161017-wa0044.jpeg

Attendere che il ciambellone si sia freddato e TA-DAAAAAAAAAAAAAAAA

MERENDA PRONTA!!!!!

QUA è DURATA BEN POCO…MA POCO POCO…..!!!!

20161018_090417.jpg

E la Gigia….. ROSICA UN PO!!!

Buon appetito

LadyC.

PEST-POST LAMPO!

 

 

20130120_141043

Non mi accontento.

Lady Catelyn, nei panni della “CUOCA PASTICCIONA IN QUEL DI CHIANCIANO CON CUCINA PICCOLA E SENZA NECESSAIRE

(che come scusa mi pare che funzioni…!!!) 🙂

per le ricette svuota avanzi, propone……

 

La pasta al pesto è buona, si, ma quella vera con patate e fagiolini.

Devo dire che il sughetto pronto mi fa un po’ tristezza.

L’ho provata con pachino, con i gamberi (super!), pachino e gamberi…….

Ma l’altro giorno, mi erano avanzate due salsiccine….e giù….le ho cotte sbriciolate in padella e aggiunte al sugo pronto al pesto.

 

Ragazzi…..che bontà!!!!

 

 

20130120_141021