Il mio secondo esperimento con Fornetto Versilia

E così ero incinta, annoiata e soprattutto AFFAMATA; Scorrevo noiosamente le pagine di Facebook, quando sbadatamente leggo “Versilia” e una bellissima foto di un mega Ciambellone. Torno su col ditino e cerco di capire di cosa si tratti.

Ne rimango stupita-basita-sconvolta-sconcertata!!!!

Porcamiseria!!!! mi rendo conto che nella mia cucina piena di aggeggi per la cucina…manca LUI….IL FORNETTO VERSILIA!!!!

Prima cosa su tutte, chiamo la mia nonna e la rimprovero di non avermene mai parlato.

Poi, indago se in famiglia ne abbiamo uno, niente da fare , nessuno ne ha mai visto uno.

In ultimo, contatto Maritozzo e comunico lui che sto per acquistare un altro “ARNESE DA CUCINA” che desidero tantissimo;

E già Maritozzo trema all’idea di un ennesima spesa pazzaCHISSAQUANTOVUOLESPENDESTAVOLTA!!!

Ma ne rimane stupito anche Lui;

Il fornetto versilia è un ARNESEDACUCINA economico e antico;

Veniva utilizzato dalle nostre nonne per cucinare ciambelloni…e non solo!!! E’ una pentola in alluminio, composta da teglia coperchio e spargifiamma. Pentola ecologica e a basso consumo (che fa tanto felice il mio uomo di casa tirchioassaiiii).

Si può acquistare online (Figuratevi se Amazon poteva non averlo!!!) o nei grandi casalinghi.

Il prezzo si aggira tra i 15 e i 30 euro, a seconda del modello.

Esistono almeno tre dimensioni: 24/26 o 28 cm.

Si utilizza come una normale teglia, ma sul fornello, non può andare in forno!

I tempi di cottura sono gli stessi, e anche le ricette sono replicabili quelle da forno tradizionale;

nel caso però vogliate il mega ciambellone, ci sono delle interessanti ricette online;

Su facebook c’è un bel gruppo che ne tratta e da spunti continui per ricette di ogni tipo! Qui trovate anche le ricette salate.

Se avete domande, chiedetemi pure, per quello che posso vi aiuterò volentieri! J

Durante la gravidanza ho fatto un primo tentativo, ciambellone molto alto, ma il gusto non mi ha soddisfatta.

Inoltre si è bruciato molto il centro, cosa che a quanto leggo dal gruppo su Facebook, è molto comune. (Qui sotto la foto del primo tentativo)

Ieri sera Io, Maritozzo e la Gigia (alias della bimba chiacchierona), abbiamo deciso (tutti insieme eh) di fare un secondo tentativo con il mio Fornetto, e allora tutti all’opera, La Gigia dirigeva i lavori dal suo Trono arancione!!!
Risultato: Ciambellone più basso, ma molto molto buono!!!

“Ciambellone Mele e Cioccolato”

20161017_211303.jpg

Ingredienti:

  • 3 uova
  • 200gr di zucchero
  • 120 ml di olio di semi
  • Un bicchiere di latte (o un vasetto di yogurt)
  • 250gr di farina
  • 1 bustina di lievito
  • Cannella
  • ¾ mele tagliate a tocchetti (io ne ho messe sei e sono davvero troppe!!!)
  • 70/100gr di cioccolato fondente

Procedimento:

Ho inserito gli ingredienti uno per volta nella planetaria.

Ho fatto montare le uova con lo zucchero. Aggiunto a filo l’olio, poi una volta assorbito ho aggiunto un vasetto di yogurt alle pere (o il bicchiere di latte).

Mischio in una ciotola farina e lievito, e con la frusta ancora in funzione aggiungo il mix, un cucchiaio per volta, al composto .

Cannella a piacere.

Prendo il blocco di cioccolata e lo grattugio.

Aggiungo poi con un leccapentole i tocchetti di mela e la cioccolata grattugiata.

Prendo il fornetto e lo ungo per bene prima della cottura.

Si può oliare e infarinare. O imburrare e foderare di pangrattato. L’importante è ungere benissimo tutta la superficie  – specialmente le pareti del foro centrale – ;

Dopo averla imburrata /unta possiamo versare il composto del ciambellone.

20161017_191716.jpg

20161017_191906.jpg

N.B. Io ho messo delle fettine di mela sul fondo, ma le sconsiglio, non fanno altro che rendere più umido il dolce e non si notano, poichè “il sopra del dolce” rimane quello a vista, quindi  a mio avviso bastano i tocchetti!

Posizionare per la cottura uno spargifiamma a rete sul fornello medio. Sopra di questo mettiamo lo spargifiamma del Versilia, e infine la pentola sopra, con il coperchio. Lasciare cuocere 50/60 minuti con il coperchio chiuso e la fiamma al minimo.

NON APRIRE MAI IL COPERCHIO PRIMA DI POCHI MINUTI ALLA FINE O POTREBBE SGONFIARSI IL DOLCE!!!!

Verificare di tanto in tanto la cottura con l’aiuto di uno stecchino lungo, attraverso i forellini del coperchio.

img-20161017-wa0044.jpeg

Attendere che il ciambellone si sia freddato e TA-DAAAAAAAAAAAAAAAA

MERENDA PRONTA!!!!!

QUA è DURATA BEN POCO…MA POCO POCO…..!!!!

20161018_090417.jpg

E la Gigia….. ROSICA UN PO!!!

Buon appetito

LadyC.

Annunci

MAD Restaurant e la nostra prima recensione!

Finalmente, con l’avvento del nuovo anno, inauguriamo la nostra nuova rubrica;

è tanto che pensavo di recensire ristoranti, vista la passione mia e di Maritozzo. Ma mai ancora avevo avuto tanta voglia come quel giorno in cui per caso, su Facebook, capitai su quel post.

La serata a tema Baccalà.

Ecco, io adoro letteralmente il baccalà. Vedo dove si trova il ristorante con l’intenzione di farmi anche 1 ora di macchina per partecipare alla Serata Baccalà, e vedo una via conosciuta…..Ci penso…..Mi arrendo…..Interrogo Maritozzo…..e con grande sorpresa……Capisco che è proprio dietro casa.

Punto.

Prenoto.

Arriviamo al ristorante e scegliamo il tavolo accanto alla cucina, si sa che quando mi metto in testa di giudicare…sono cattivissima.

Rimango invece stupita dall’assenza di odori indiscreti, seppure la porta della cucina fosse accanto a noi, e aperta.

Il proprietario si presenta gentile e simpatico, mai eccessivo.

Ci servono un cestino di pane….e pure questo è buono!!!!

Ok, non ho nulla da criticare…e allora mi lascio andare ai sapori del baccalà che man mano ci viene servito.

Tutto buonissimo. E nasce l’amore per questo ristorante.

Chiedo di vedere il Menu, e da qui il desiderio di tornare e provare tutto!

Torniamo ancora, e ancora, e alla fine chiedo di poter scrivere di loro e di poterli intervistare.

Da qui nasce una serata,  dove i protagonisti sono i loro piatti, e noi, che ci facciamo una bella chiacchierata, e qualche assaggio……..In realtà Danilo ci ha visti sciupati e abbiamo svuotato le loro dispense tra una chiacchierata e l’altra!!! sia chiaro che lo abbiamo fatto solo per Voi lettori (!!!) e per raccontarVi il

MAD Restaurant

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il ristorante si trova a Roma, in un quartiere dove sono cresciuta e devo dire che ristoranti così, in zona, non esistono; qui abbiamo pizzerie, ristoranti etnici di ogni tipo, trattorie. Loro propongono cucina raffinata e della tradizione, abbinata a serate a tema. Finalmente, mangiar bene per tutte le tasche!

Oggi ospitiamo nella nostra cucina, Danilo e Attilio, proprietario e chef del Mad Restaurant di Roma.

  • Ciao Danilo, benvenuto. Raccontami, un po’ di Voi!

 Ciao Lady,  Io ed Attilio ci conosciamo da quando siamo bambini , siamo cresciuti e viviamo tutt’ora  nello stesso quartiere.

Attilio (lo chef) sono 20 anni che lavora in cucina ed ha una esperienza solida.

Io invece, che non c’entro nulla con questo settore, ho da diverso tempo (6-7 anni) la passione per i vini e per il buon cibo.

Questo mi ha spinto a tentare di percorrere questa via!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

  •  Bene, e da una passione alla scelta di buttarVi in questa avventura?

L’idea di aprire un ristorante  e la decisione di farlo con Attilio nasce dal fatto che la sua esperienza ed il suo tipo di cucina sposa il concetto di alta qualità e giusto prezzo che è il concetto base del progetto Mad (pazzo!!!)

Partiamo da una base di cucina romana alla quale teniamo molto per appartenenza al territorio e cerchiamo di presentarla con un “look moderno”. Proponiamo anche delle varianti alla cucina romana per cercare di accontentare diversi target e incuriosire/riavvicinare i romani alle loro tradizioni.

L’idea è quella di offrire al cliente un’esperienza di qualità dal punto di vista del mangiare e del bere. Far capire che si può avere la qualità al giusto prezzo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • E devo dire, che a mio avviso avete centrato i vostri obiettivi;

          Ho letto sul sito, che organizzate delle serate a tema, spiegami meglio.

Promuoviamo la cucina romana nei giorni di lunedì e martedì con i primi della tradizione a 5 euro. In base alla risposta del cliente la estendiamo anche al mercoledì.

Abbiamo  fatto anche quella dedicata a Trippa e Coda alla Vaccinara che rappresentano un cardine della tradizione romana e che non tutti (ai giorni d’oggi sanno apprezzare o addirittura conoscono – le nonne di una volta non ci sono più)

Anche il Baccalà è un’ospite che spesso ci viene a trovare e cerchiamo di presentarlo in diversi modi: ad insalata, fritto o in salsa….(tu ne sai qualcosa)

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Hihihih, il vostro Baccalà, e chi se lo scorda quel guazzetto di pomodoro! La serata trippa e coda ce la siamo persa, ma non farti sentire da Maritozzo che pianta la tenda qui fuori in attesa che la rifacciate. 

          Senti, ma se ti chiedessi i vostri piatti forti?

Non c’è una specialità in particolare ti potrei dire i Gamberoni in pasta Kataifi o la Bufala Guanciale e Cicoria (che hai provato anche tu).

Di speciale vorremmo che ci sia la simbiosi tra piatto e cliente, un rapporto che deve cominciare con la vista, deve proseguire al palato e deve terminare con il ricordo del piatto e la voglia di tornare da noi……..!!

  •  E anche qui, come vedi, ci siete riusciti, noi non schiodiamo! 🙂

Progetti futuri, qual è il Vostro obiettivo?

L’obiettivo per ora è far capire che la qualità del prodotto è prima base di partenza per la riuscita di un buon piatto.

L’amore nella preparazione e il racconto della portata al momento del servizio rappresentano la nostra idea per creare un rapporto diretto cliente/cibo.

Il 4 giugno 2014 abbiamo aperto il Mad Restaurant, per ora abbiamo avuto molte soddisfazioni!!!

Grazie Danilo, grazie Attilio di averci ospitato qui da voi, ora un amaro e ce ne andiamo, grazie….anzi no, che c’è domani???

“50 sfumature di Gricia”?!?

 Ok dormiamo qui!

 IMG_2418

IMG_2421

Per chi volesse venrCi ehm…no prima o poi ce ne andremo, venirLi a trovare i loro indirizzo è questo:

MAD Restaurant

Viale Gino Cervi 14

00139 Roma, 00139 Rome, Italy

Aperti tutte le sere dal Lunedì al Sabato.

Sabato aperti anche a pranzo.

Domenica giorno di riposo.

Su richiesta si possono organizzare feste come lauree compleanni o pranzi di lavoro.

Intanto potete andarli a trovare su Facebook cliccando QUI, e lasciargli un bel MI PIACE! 🙂

 

Buon Appetito…!!!

LadyC

Salvate il soldato Catelyn…magari con un “Crumble di Mele” :)

E’ circa una settimana che prometto di scrivere la ricetta del Crumble, ma prima il rientro a lavoro, poi i miei 4 giorni di febbre a 39 fissi fissi che proprio non mi volevano lasciare, mi hanno fatto tardare.

Diciamo che per i primi due giorni e mezzo, non potevo vedere nemmeno le schermo del cellulare, da ieri ho ricominciato a vedere facebook, e oggi, mi sono resa conto di essermi persa di tutto sui miei siti di vendita online.

Per la precisione mi sono persa Homedics, Gattinoni, Meridiana, Beurer e due o tre marche di accessori per cucina…

e non voglio sapere cosa è già scaduto, o mi prende un colpo.

Io che ogni mattina, non mi alzo dal letto, se prima non ho visualizzato le offerte della giornata, in questi giorni, proprio non mi sono alzata dal letto, e se mi chiamavi, eri un nemico!!!!

Ma torniamo a noi.

Sabato sera siamo tornati da Dublino.

E’ domenica e dato che durante la vacanza non avevamo mangiato abbastanza (………!!……..) decido di fare un Crumble di mele.

Ma non è colpa mia… “No, No,no!!!

Continua a leggere